주요 콘텐츠로 건너뛰기

기기를 수리하세요

수리할 권리

상점

해당 분해도에 사용된 도구

소개

Ecco qua ragazzi, la nuova generazione di consolle arriva questa settimana, e si inizia con la Xbox Series X. Seppellito sotto una tormenta di slogan come "teraflops", "vero 4K" e "ray tracing" c'è un nuovo dispositivo: quello che sarà il punto di riferimento Microsoft per diversi anni a venire. È ora di vedere che cosa l'azienda di Redmond ha tirato fuori e che cosa lo tiene insieme. È ora di smontare.

Ricordati di seguire il canale YouTube di iFixit e i nostri post su Instagram e Twitter. E iscriviti alla nostra newsletter per essere il primo a sapere quando i nuovi dispositivi tecnologici finiscono sul banco degli smontaggi.

해당 분해도는 수리 안내서가 아닙니다. Xbox Series X 수리는 저희 서비스 설명서를 사용하십시오.

  1. Il nome potrebbe non essere troppo diverso da quello dell'ultima generazione, ma tutto il resto è cambiato. Diamo un'occhiata alla scheda tecnica: CPU custom AMD Zen-2 8-core da 3.8 GHz (3.66 GHz con SMT)
    • Il nome potrebbe non essere troppo diverso da quello dell'ultima generazione, ma tutto il resto è cambiato. Diamo un'occhiata alla scheda tecnica:

    • CPU custom AMD Zen-2 8-core da 3.8 GHz (3.66 GHz con SMT)

    • GPU custom AMD RDNA 2 (1.825 MHz con 52 unità di elaborazione

    • RAM GDDR6 da 16 GB

    • 1 TB di memoria interna su SSD (con una scheda di espansione opzionale da 1 TB)

    • Connettività HDMI 2.1 con supporto per video 8K a 60 Hz o 4K a 120 Hz

    • Drive Blu-ray UHD 4K

    • Architettura di ultima generazione Velocity

  2. Magro non è più di moda. L'ammiraglia Xbox di quest'anno ha una figura molto robusta e, a giudicare dall'enorme griglia, fa sul serio in termini di raffreddamento. La Series X ha un'impronta al suolo, anzi al tavolo, più piccola della One X, perfino se la disponi appoggiata di lato. Ma il volume è del 60% più grande, quindi dobbiamo augurarci che il tuo spazio giochi sia adeguato. Ci sono ulteriori griglie a movimentare il retro della consolle, insieme alle consuete porte e un nuovo slot per l'espansione della memoria interna.
    • Magro non è più di moda. L'ammiraglia Xbox di quest'anno ha una figura molto robusta e, a giudicare dall'enorme griglia, fa sul serio in termini di raffreddamento.

    • La Series X ha un'impronta al suolo, anzi al tavolo, più piccola della One X, perfino se la disponi appoggiata di lato. Ma il volume è del 60% più grande, quindi dobbiamo augurarci che il tuo spazio giochi sia adeguato.

    • Ci sono ulteriori griglie a movimentare il retro della consolle, insieme alle consuete porte e un nuovo slot per l'espansione della memoria interna.

    • Con una mossa ottima sul piano dell'accessibilità, le porte si differenziano grazie a puntini in rilievo. Così la procedura di collegamento è più facile non solo per chi ha problemi di vista, ma anche per chiunque cerchi di collegare il suo cavo HDMI senza girare al contrario la consolle.

    • Oggi non smonteremo la Series S, ma abbiamo dei bei raggi X per la X, la sua parente nata insieme! Rimani all'erta.

  3. Il nuovo controller Xbox sembra molto simile all'ultima versione, salvo un nuovo pulsante di condivisione, un D-pad aggiornato e una porta di ricarica USB-C. Non siamo ancora al punto di smantellare questa roba, dato che abbiamo davanti a noi un'intera consolle ancora da smontare; i nostri compari di Creative Electron, però, sono qui per darci una visione interna di tipo diverso. Con la vista a raggi X, si possono vedere quattro motori di vibrazione (due nelle impugnature e due vicino ai grilletti), l'hardware metallico del joystick e tutti gli affascinanti cavi e circuiti a cui è affidata l'interconnessione tra le parti.
    • Il nuovo controller Xbox sembra molto simile all'ultima versione, salvo un nuovo pulsante di condivisione, un D-pad aggiornato e una porta di ricarica USB-C.

    • Non siamo ancora al punto di smantellare questa roba, dato che abbiamo davanti a noi un'intera consolle ancora da smontare; i nostri compari di Creative Electron, però, sono qui per darci una visione interna di tipo diverso.

    • Con la vista a raggi X, si possono vedere quattro motori di vibrazione (due nelle impugnature e due vicino ai grilletti), l'hardware metallico del joystick e tutti gli affascinanti cavi e circuiti a cui è affidata l'interconnessione tra le parti.

    • Confronta questa modesta variazione col nuovo controller DualSense, che diverso dal suo predecessore sotto quasi tutti i punti di vista. Si potrebbe dire che Microsoft non ha messo nel suo controller la stessa quantità di ricerca e sviluppo adottata da Sony.

    • Può sembrare deludente, ma se non altro questi controller sono compatibili in modo incrociato con le consolle Xbox di generazione precedente.

    • Nonostante il suo nuovo stile sgargiante, il DualSense ora condivide un buon numero di somiglianze col controller Xbox. Forse che Microsoft e Sony stanno finalmente convergendo verso la forma perfetta del controller?

  4. Due brillanti viti verdi di tipo T8 danno l'idea di un benvenuto ufficiale della Xbox all'interno della macchina, ma queste viti sono nascoste sotto delle etichette e una botola. E allora Microsoft, vuoi che entriamo oppure no? In ogni caso, non c'è modo di fermare noi e il nostro Kit cacciaviti Mako. Facciamo girare il cacciavite, scattare delle clip e siamo dentro. Il che significa che è accessibile dall'utente se non Accessibile all'Utente. Ed ora attiviamo il mirino. Primo obiettivo di rimozione? La massiccia ventola da 130 mm. È facile arrivarci per pulirla, e questo è molto positivo. Se la tua X resta dritta, lo scarico è rivolto verso l'alto, quindi si spera che le gatte di polvere gireranno comunque al largo.
    • Due brillanti viti verdi di tipo T8 danno l'idea di un benvenuto ufficiale della Xbox all'interno della macchina, ma queste viti sono nascoste sotto delle etichette e una botola. E allora Microsoft, vuoi che entriamo oppure no?

    • In ogni caso, non c'è modo di fermare noi e il nostro Kit cacciaviti Mako. Facciamo girare il cacciavite, scattare delle clip e siamo dentro. Il che significa che è accessibile dall'utente se non Accessibile all'Utente.

    • Ed ora attiviamo il mirino. Primo obiettivo di rimozione? La massiccia ventola da 130 mm. È facile arrivarci per pulirla, e questo è molto positivo. Se la tua X resta dritta, lo scarico è rivolto verso l'alto, quindi si spera che le gatte di polvere gireranno comunque al largo.

    • Parlando di fan, Microsoft ha fatto uno strappo alle proprie regole nascondendo Master Chief qui dentro. Una sorpresa che è la benvenuta!

  5. Volendo, puoi rimuovere questo simpatico frisbee dal fondo per un paio di lanci, ma non siamo qui per giocare. Ci sono, infatti, delle altre viti nascoste al di sotto. Avremmo gradito poterlo lasciare al suo posto, perché la sua rimozione ha richiesto delle noiose operazioni di sblocco delle clip interne. Il prossimo estratto è il drive ottico. E, con nostra grande sorpresa è la ben nota vecchio unità ripescata dall'Xbox One S e dell'Xbox One X: identici il numero modello e tutto il resto!
    • Volendo, puoi rimuovere questo simpatico frisbee dal fondo per un paio di lanci, ma non siamo qui per giocare. Ci sono, infatti, delle altre viti nascoste al di sotto.

    • Avremmo gradito poterlo lasciare al suo posto, perché la sua rimozione ha richiesto delle noiose operazioni di sblocco delle clip interne.

    • Il prossimo estratto è il drive ottico. E, con nostra grande sorpresa è la ben nota vecchio unità ripescata dall'Xbox One S e dell'Xbox One X: identici il numero modello e tutto il resto!

    • Ne siamo entusiasti? Beh, sì e no, ma in buona parte no. I nostri test suggeriscono che la scheda interna del disco ottico sia accoppiata alla scheda madre della tua consolle, il che esclude una facile sostituzione se il drive finisce kaputt.

    • Detto ciò, proprio come accadeva con lo One S e lo One X, se sei capace di dissaldare la scheda dal tuo vecchio disco ottico originale e trapiantarla sulla nuova unità, sei a posto.

    • In ogni caso, uno di questi chip dovrebbe essere responsabile per l'intima relazione tra la scheda madre e la scheda dell'unità ottica:

    • Microsoft MS0DDDSP03 ARM, probabilmente il controller dell'unità ottica

    • Driver 9 canali motore/laser Texas Instruments TPIC2050

  6. Estratta l'unità disco, le parti interne rimaste sono contenute all'interno di questo gruppo massiccio, composto in gran parte da elementi di gestione del calore attaccati a qualche scheda stampata. Smontaggio già finito? No. Penso che stiamo appena iniziando. Se ti stai interrogando sul nastro in gomma nera, il suo scopo primario sembra sia l'isolamento, dalle vibrazioni e da rumore. Questa parte di imbottitura extra impedisce che la tua esperienza di gioco sia disturbata. Ci sono alcune etichette di tipo molto pratico: center chassis", "PSU" e "AC cable routing." Sono di lieve aiuto per il riassemblaggio, ma non sono esattamente delle istruzioni di riparazione.
    • Estratta l'unità disco, le parti interne rimaste sono contenute all'interno di questo gruppo massiccio, composto in gran parte da elementi di gestione del calore attaccati a qualche scheda stampata. Smontaggio già finito? No. Penso che stiamo appena iniziando.

    • Se ti stai interrogando sul nastro in gomma nera, il suo scopo primario sembra sia l'isolamento, dalle vibrazioni e da rumore. Questa parte di imbottitura extra impedisce che la tua esperienza di gioco sia disturbata.

    • Ci sono alcune etichette di tipo molto pratico: center chassis", "PSU" e "AC cable routing." Sono di lieve aiuto per il riassemblaggio, ma non sono esattamente delle istruzioni di riparazione.

    • Microsoft non ha sprecato alcuno spazio all'interno di questo dispositivo: guarda quanto volume è stato dedicato al dissipatore di calore. Il progetto termico è una parte fondamentale della creazione di qualsiasi consolle ed è chiaro che la Series X è fatta per funzionare al fresco e in silenzio.

    • Nella parte anteriore frontale c'è una delle due schede di antenna all'interno del case. La ridondanza potrebbe servire ad assicurare una buona connessione in ciascuno dei due modi di orientare la consolle: modalità tower e modalità disagio.

  7. Trovando una scatola dentro un'altra scatola, solleviamo l'alimentatore dal gruppo principale. Il canale principale di output di questa unità energetica eroga fino a 21,25 A a 12 Volt, il che equivale a 255 Watt. Aggiungiamo l'output periferico da 60 W e arriviamo a un totale di 315 W. È un bel po' superiore all'alimentatore da 245 W della One X, ma sempre meno dell'unità da 350 Watt della PS5 dotata di drive ottico.
    • Trovando una scatola dentro un'altra scatola, solleviamo l'alimentatore dal gruppo principale.

    • Il canale principale di output di questa unità energetica eroga fino a 21,25 A a 12 Volt, il che equivale a 255 Watt.

    • Aggiungiamo l'output periferico da 60 W e arriviamo a un totale di 315 W. È un bel po' superiore all'alimentatore da 245 W della One X, ma sempre meno dell'unità da 350 Watt della PS5 dotata di drive ottico.

    • Ma perché la PS5 ha un alimentatore significativamente più grosso? Torna presto da noi per lo smontaggio della PS5 e lo saprai!

    • Come si rapporta questa centrale elettrica con la concorrenza? L'abbiamo chiesto all'esperto di alimentatori Ken Shiriff of Righto.com:

    • In generale si tratta di un alimentatore compatto di alta qualità. Non hanno sfrondato caratteristiche per ridurre i costi. Detto ciò, l'alimentatore non raggiunge il livello di complessità e densità di Apple.

    • L'alimentatore usa condensatori polimerici, più costosi ma di maggior durata, invece di quelli elettrolitici, per filtrare l'uscita a 12V.

    • C'è l' l'avvertimento di utilizzarla a una quota inferiore ai 2.000 metri, quindi per un pelo la One X non si potrà usare a Sestriere).

  8. La Serie X integra un sandwich di schede ma non per risparmiare spazio come nell'iPhone X, ma proprio per crearlo. Il blocco di alluminio che c'è in mezzo aiuta a dirigere l'aria tra le schede e raffreddare questo assembramento di teste calde. Ecco che cosa c'è sulla prima scheda: Microsoft M1139994-001 T6WD5XBG-0004 Southbridge Compratore di tensione quadruplo Texas Instruments L339A
    • La Serie X integra un sandwich di schede ma non per risparmiare spazio come nell'iPhone X, ma proprio per crearlo. Il blocco di alluminio che c'è in mezzo aiuta a dirigere l'aria tra le schede e raffreddare questo assembramento di teste calde. Ecco che cosa c'è sulla prima scheda:

    • Microsoft M1139994-001 T6WD5XBG-0004 Southbridge

    • Compratore di tensione quadruplo Texas Instruments L339A

    • Controller Ethernet gigabit Realtek RTL8111HM

    • CTO8E 2020F1, potrebbe essere un trasduttore di suono Challenge Electronics

    • Regolatore lineare low dropout ON Semiconductor NCP186

    • Amplificatore audio Classe AB 2W Nuvoton ISD8104

  9. Ed ora ecco la fetta di prosciutto di questo sandwich di schede: lo chassis centrale in alluminio. Il suo scopo principale è di smaltire il calore generato dal gaming ad alte prestazioni, da qui il composto color menta usato per l'SSD e per lo slot di espansione della memoria interna. Parlando di archiviazione, la Series X usa un SSD NVMe m.2 2230, ovvero un SN530 della Western Digital personalizzato. Abbiamo sentito dire che supporta il superveloce PCIe Gen 4.0, roba di alto livello!
    • Ed ora ecco la fetta di prosciutto di questo sandwich di schede: lo chassis centrale in alluminio.

    • Il suo scopo principale è di smaltire il calore generato dal gaming ad alte prestazioni, da qui il composto color menta usato per l'SSD e per lo slot di espansione della memoria interna.

    • Parlando di archiviazione, la Series X usa un SSD NVMe m.2 2230, ovvero un SN530 della Western Digital personalizzato. Abbiamo sentito dire che supporta il superveloce PCIe Gen 4.0, roba di alto livello!

    • È bello vedere che Microsoft usa un drive sostituibile, benché le barriere software impediscano a te di effettuare la sostituzione.

    • Diamo un'occhiata più da vicino alle parti che rendono così possente questo SSD (ignorando la molto banale faccia inferiore):

    • 1 TB di memoria Flash NAND SanDisk 60662 1T00

    • Controller SSD NVMe SanDisk 20-82-10048-A1

    • IC gestione alimentazione Qorvo (precedentemente Active-Semi) 90430VM330

  10. Dato che questo SSD ha un fattore di forma standard m.2, l'abbiamo messo nella nostra workstation per dare un'occhiata a quel che c'è dentro.
    • Dato che questo SSD ha un fattore di forma standard m.2, l'abbiamo messo nella nostra workstation per dare un'occhiata a quel che c'è dentro.

    • In effetti, è notevolmente simile a unità che abbiamo trovato in certi altri recenti dispositivi Microsoft.

    • Se vi aspettavate che fosse molto partizionato come gli hard drive delle precedenti Xbox, siete molto più avanti di noi.

    • Benché l'SSD in quanto tale sia di tipo molto standard, facendoti guidare dall'esperienza passata puoi aspettarti di affrontare dei seri mal di testa se dovrai sostituirlo o aggiornarlo in futuro. Ma poi alla fine funzionerà? Il nostro istinto ci dice forse.

    • Aggiornamento: per saperne di più sulle nostre impressioni, guardate quanto abbiamo scritto in seguito su questo piccolo SSD: Can DIY Storage Save You Money on the Series X? Probably Not. Cioè, si può risparmiare utilizzando una memorizzazione fai-da-te? Probabilmente no.

  11. Una volta staccati gli strati finali di questa succulenta millefoglie termica, liberiamo l'ultima scheda dal gruppo del dissipatore, trovando altra pasta dentrificia termica e ancora altri chip: "Project Scarlett" 100-000000388 (comprende CPU 8-core AMD Zen 2 + GPU AMD RDNA 2) Moduli Micron D9WCW da 1GB e Micron D9WZX da 2GB, per un totale di 16 GB di SGRAM (Super-Grande Synchronous Graphics RAM) GDDR6
    • Una volta staccati gli strati finali di questa succulenta millefoglie termica, liberiamo l'ultima scheda dal gruppo del dissipatore, trovando altra pasta dentrificia termica e ancora altri chip:

    • "Project Scarlett" 100-000000388 (comprende CPU 8-core AMD Zen 2 + GPU AMD RDNA 2)

    • Moduli Micron D9WCW da 1GB e Micron D9WZX da 2GB, per un totale di 16 GB di SGRAM (Super-Grande Synchronous Graphics RAM) GDDR6

    • Monolithic Power Systems MPSM25, supponiamo siano MOSFET di potenza per i moduli di regolazione della tensione

    • Monolithic Power Systems MP2926

    • Il Master Chief

    • Redriver lineare/Shifter DisplayPort Level/HDMI ON Semiconductor NB7NQ621M da 12 Gbps

    • Texas Instruments TPS568230, regolatore step-down sincrono

  12. Rimosse la scheda madre, ci fermiamo un atrio per ammirare l'intero sistema di raffreddamento. Un sandwich dolce, bello fresco. La crema riempitiva verde alla menta è parte del composto termico che aiuta a dissipare il calore da gaming intenso.
    • Rimosse la scheda madre, ci fermiamo un atrio per ammirare l'intero sistema di raffreddamento. Un sandwich dolce, bello fresco.

    • La crema riempitiva verde alla menta è parte del composto termico che aiuta a dissipare il calore da gaming intenso.

    • A sinistra: le alette estraggono calore dalla vapor chamber in rame affidandolo all'aria fresca tirata dentro dalla ventola attraverso il fondo della consolle.

    • Il prossimo: insieme alla piastra di rame, questo telaio di metallo funge da schermatura EM. inoltre trasferisce il calore dai (focosi) moduli di regolazione della tensione grazie alla pasta termica.

    • Il "CCS" (che sta per "Center Chassis") assicura la rigidezza dell'insieme, favorisce la schermatura, assorbe calore e massimizza il raffreddamento delle schede.

    • E alla fine, all'estrema destra, una schermatura EM fatta a gabbia di Faraday protegge l'altra scheda madre consentendo al tempo stesso di far passare in mezzo l'aria.

  13. Sarà pure la macchina da gaming Microsoft più all'avanguardia ma, quanto a volume, sembra un condizionatore dotato di scheda grafica. Roba fresca, comunque.
    • Sarà pure la macchina da gaming Microsoft più all'avanguardia ma, quanto a volume, sembra un condizionatore dotato di scheda grafica. Roba fresca, comunque.

    • Il progetto relativamente modulare e amico del riparatore è in parte offuscato da alcune barriere software. I nostri testi indicano che le riparazioni sia dell'unità ottica sia dell'SSD siano come minimo problematiche; il che può essere un problema se vuoi che queste cose ti facciano giocare di nuovo o semplicemente si avviino.

    • Ci piace molto aver trovato due Master Chiefs che vivono nella nostra macchina Halo, ma come si confronterà questa torre del terrore con l'arena delle riparazioni? Fai uno scroll e leggerai il verdetto.

  14. 최종 결론
    • Bastano pochissimi attrezzi per smontare completamente la consolle.
    • Tutte le viti sono normali Torx T8.
    • Una volta all'interno, lo schema modulare permette facili sostituzioni della ventola, dell'unità ottica, dell'alimentatore e della scheda wireless.
    • L'SSD è modulare e di tipo standard, ma richiede un bel po' di smontaggio per arrivarci.
    • Alcune riparazioni di componenti critici sono rese complicate da ostacoli software.
    수리 용이성 점수
    7
    수리 용이성 10점 중 7점
    (10은 가장 쉬운 수리를 뜻합니다)

다음 번역가들에게 특별히 감사 드립니다:

en it

100%

이 번역자 분들은 저희가 세상을 수리하는데 동참해 주시는 분입니다! 기여하시겠습니까?
번역 시작하기 ›

Its like a spaceship inside I’m amazed they can put out all this for only 499.

Gage - 답글

Microsoft usually doesn’t make money on their Xbox consoles, since they already make enough money from their cloud service and selling data of Windows 10 users—in fact, they actually lost $125 for every original Xbox sold. But that’s good for the consumer, since we have what’s basically a beefy Zen 2/RDNA2 high-end gaming PC (in terms of hardware) at that price.

Ethan Zuo -

Alright, iFixit, we need help with something:

The blue “toothpaste” “““thermal paste””” you mentioned several times isn’t, in fact, thermal paste per se, but something similar actually called “thermal putty”. Yes, both are pretty much the same, but thermal putty, from what I understand, is a lot more viscous than thermal paste. Like a middle point between paste and thermal pads.

What matter about this is that thermal putty isn’t actually something the general consumer can buy. It seems to be only for industrial applications or repair shops. The problem here is that when we eventually have to replace thermal paste, you HAVE to use thermal putty for RAM, SSD and MOSFETs, since thermal pads, even of you measure the space between, may be inadequate. Thermal putty is applied because it feels uneven spaces a lot better. I tried replacing thermal putty with pads in an Xbox One X and it didn’t work because pads, even new, are too stiff and even.

Could you help us know what to actually use? You have the contacts. Help!

Spudgeboy - 답글

Hi Spudgeboy,

You’re right in that this stuff does seem to be something different compared to thermal paste and thermal pads, and it’s not easily available. The best alternative we found is a product called K5 Pro. It’s designed to transfer heat over larger gaps. When we can find a source for the “thermal putty”, we’ll post an update on the site!

Arthur Shi -

Okay so after looking, the closest thing I could find to the blue or green stuff is TG-PP-10 from t-Global on DigiKey. It’s 10 W/mK, so probably a good bit better than the blue or green stuff which is usually 1-6 W/mK. IIRC other manufacturers of this stuff are Bergquist (now Laird?), Henkel, Dow Corning, but t-Global sells the most reasonably priced one for small quantities at just 28$ USD for 50 grams.

Common search terms that might be helpful are “thermal putty”, “silicone thermal putty”, “one part gap filler”, “gap filler”. among other things like that. Many of these are non-curing, so if you carefully scrape what you have into a little mound, you may be able to reuse it.

Larry Qian -

댓글 쓰기

조회 통계:

24 시간 전: 97

7일 전: 709

30일 전: 2,921

전체 시간: 65,499